blog di Rosario

Cosa s'intende con neoliberalismo: una prima ricognizione

Spesso nelle mie discussioni cito il pensiero neoliberale, ma poiché questa ideologia si presta a facili fraintendimenti, soprattutto perché si basa su un’accorta gestione del linguaggio, può essere utile precisare cosa intenda con questa espressione. Trovo una bella descrizione delle fondamentali caratteristiche in un paper di Riccardo Bellofiore, Francesco Garibaldo e Mariana Mortagua dal titolo “A credit-money and structural perspective on the European crisis: why exiting the euro is the answer to the wrong question” Il titolo suggerisce che una lettura è utilissima al di là del brano che cito. Gli autori descrivono le cartteristiche del neoliberalismo traendole dal lavoro di tre autori: Wolfgang Streeck in Tempo guadagnato. La crisi rinviata del capitalismo democratico”

Philip Mirowski in “Never let a serious crisis go to waste” non tradotto in italiano

Colin Crouch in “Il potere dei giganti. Perché la crisi non ha sconfitto il neoliberismo”

LA TEORIA DELLA FORMAZIONE DIETRO LE RIFORME DELLA SCUOLA DAL 2000 ALLA LEGGE 107

In un post precedente ho parlato di modello di "società di mercato" per le riforme della scuola che si sono succedute da quella che porta il nome di Berlinguer alla legge 107. Naturalmente si può pensare che questo fil rouge non sia stato dimostrato, si può ritenere sia frutto di una mia incomprensione, sia il prodotto di una resistenza del professore gentiliano verso il nuovo mondo della globalizzazione, un’arretratezza culturale.

Cosa c’è che non va nel documento “Per una nuova identità” di Articolo 1: la scuola

Articolo 1presenta un documento come base di discussione per rilanciare una nuova identità di sinistra. E’ una base di discussione ampia e generosa, sono 43 pagine ed in tempi in cui la politica twitta è un segno di discontinuità. Abbiamo bisogno di discussione e protagonismo e le cose complicate non possono essere ridotte ai 140 caratteri di Twitter. Bene quindi, ma il documento ha delle pecche: non fa i conti con quanto è accaduto, fraintende l’analisi, appare un documento ancorato al passato recente.

QUELLE QUATTRO COSE CHE PENSO DI SAPERE QUANDO SI PARLA DI SCUOLA

DUE DOVEROSE PREMESSE

Quando si parla di scuola occorre partire da due premesse da cui scaturisce tutto il resto.

LA PRIMA: la scuola non è “neutra”, un modello di scuola prevede un modello di società.

Una parola: lavoro

Una riunione per parlare dei referendum sociali, opportuna e necessaria perché non solo è necessario andare a votare e provare a vincere questi referendum, ma perché costituisce un’occasione per cominciare a riflettere sul lavoro e sul suo ruolo nella società.

Solo alcuni spunti frammentari perché la discussione è complessa, partirei da un passaggio di un editoriale di Michele Serra in cui, parlando della minacciata scissione del PD, afferma:

Elettroserratura: la parte server

 
Cominciamo con la pubblicazione delle pagine php lato server dell'elettroserratura.
Non dirò nulla sull'installazione e la configurazione di Apache, Mysql, PHP perché l'argomento esula da quanto stiamo facendo e costituisce una sorta di prerequisito, ma non è difficile installare un sistema LAMP (Linux-Apache-Mysql-PHP) o WAMP (Windows-Apache-Mysql-PHP) e su internet si trovano una miriade di ottimi tutorial.
I file necessario sono sette, io li ho chiamati così:
     abilita.php
     action.php
     config.php
     controllo.php

Elettroserratura: caratteri generali del progetto e schema

Il sistema prevede che Arduino legga il tag RFID, trasmetta il valore ad un server WEB, che lo controlla in un database e invia una risposta ad Arduino che reagisce di conseguenza attivando una luce rossa, per la risposta negativa, o il relay, per la risposta positiva.

Per cui è composto da una parte client (Arduino-Lettore RFID-Relay) ed una parte server, LAMP (Linux-Apache-Mysql-PHP) o WAMP, non sia mai.

Per quanto riguarda la parte client abiamo già descritto nella puntata precedente i componenti, per quanto riguarda la parte Server ho utilizzato:

Linux-Gentoo;

Elettroserratura: l'assemblaggio del lettore RFID e del Led RGB

Innanzitutto occorre montare lo shield ethernet su Arduino. E' abbastanza semplice, basta far combaciare i piedini dello shield con i connettori di Arduino.

Poi si può sistemare il lettore RFID MFR522 sulla breadboard, si alimenta a 3,3 volt. Con i cavetti si collega da sinistra verso destra come segue

RFID     PIN     colore

SDA       8       BLUE

SCK     13       NERO

MOSI    11      GIALLO

MISO    12     VERDE

IRQ

GND    GND    NERO

RST      9        ARANCIONE

VCC    3.3       ROSSO

L'elettroserratura: il materiale (Seconda puntata)

Di seguito l'elenco ragionato del materiale utilizzato

Elettroserratura con comando RFID, controllo accesso e logging

Comincio la pubblicazione di un tutorial per la realizzazione di un prototipo di un 'impianto di comando di un'elettroserratura  

Pagine

Abbonamento a Feed RSS - blog di Rosario